................................................................................................................................................................................................................................................... Facebook Google+ Youtube .

2016-01-20T13:56:17+01:00

Come eliminare le macchie di vino

Pubblicato da Elsa
Macchia di vino

Quante volte è capitato di vedersi rovinare una bella serata da un’odiosa macchia di vino rosso sulla tovaglia o, peggio ancora, sul vestito? 

In realtà, nonostante la scocciatura, se si agisce rapidamente nulla è perduto e in breve i capi possono tornare a splendere, l’importante è cercare di porre rimedio il prima possibile, quando la macchia è ancora fresca e umida

Come prima cosa, si dovrà invece evitare di bagnare con acqua calda che potrebbe fissare il colore compromettendo la smacchiatura e provare, in caso di incertezza, il rimedio su una parte non visibile perché eventuali “errori” non si vedrebbero e non rischierebbero di rovinare il capo. 

Due eccellenti rimedi  della nonna, da sperimentare prima di ogni altro metodo, sono i seguenti:



  • Sale per smacchiare. Sulla tavola imbandita non manca e per questo è il primo da utilizzare per far scomparire la macchia; senza strofinare basterà porre una quantità discreta di sale fino sul vino avendo cura di coprire per bene (in modo che lo assorba).  Dopo 20-30 minuti, tamponare con una tovagliolo o della carta assorbente poi sciacquare con acqua calda. In alternativa si potrà coprire con sale fino quindi, lavare con sapone e succo di limone concentrato. 
  • Il secondo metodo, per quanto paradossale, è uno dei più conosciuti e si avvale del vino bianco; su tessuti delicati, tovaglie (anche di lino) e moquette, basta versare un po’ di vino bianco e tamponare procedendo dall’esterno della macchia verso l’esterno, per evitare che, al contrario, si espanda ancor di più. Se la macchia dovesse resistere si potrà aggiungere un po’ di bicarbonato e continuare a tamponare. 
Un ulteriore metodo richiede l’utilizzo di alcool, aceto bianco e sapone (perfetto quello di Marsiglia ma, in mancanza d’altro, si potrà tentare anche con detersivo per piatti); dopo aver mischiato i tre ingredienti, si dovrà strofinare leggermente la macchia, eventualmente avendo cura di bagnarla già preventivamente con poco alcool.

Su lana, seta, fibre vegetali e animali si può provare a sciogliere la macchia versandogli sopra una soluzione preparata mischiando una parte d’acqua e 6 di acqua ossigenata poi, sciacquare con uno straccio imbevuto di acqua e alcune gocce d’aceto. 

In alternativa, facendo attenzione a verificare la resistenza del tessuto su una parte nascosta, si può preparare una pappetta mischiando acqua ossigenata e sapone da bucato nelle stesse proporzioni di prima poi, tamponare delicatamente e lavare. 

Un ulteriore e ultimo metodo da utilizzare immediatamente dopo la formazione della macchia consiste nel versare “a filo” latte bollente sulla macchia; per eseguirlo consiglio di farsi aiutare da qualcuno che tenda la stoffa in modo che si possa versare il liquido solo dove necessario.


commenti

Girl Gift Template by Ipietoon Blogger Template | Gift Idea - Ospitato da Overblog